Tutela risparmio: nuove regole in vigore da oggi

versamento,contributi

Tutela risparmio: nuove regole in vigore da oggi

 

Tutela – risparmiatore – nuove regole
Pubblicata in Gazzetta il nuovo decreto legislativo n. 233/2017. Ecco alcune brevi informazioni

 


 

 

Pubblicato sulla G.U. del 13 febbraio 2018 il D.Lgs. 15 dicembre 2017, n. 233 (recante “Norme di adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) n. 2015/760 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2015, relativo ai fondi di investimento europei a lungo termine”), che modifica sensibilmente il cd. TUF (Testo Unico della Finanza, di cui al D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58) al fine di rendere applicabili le norme contenute nel regolamento UE.

 

Il nuovo provvedimento nazionale assegna a CONSOB e Banca d’Italia maggiori funzioni, rafforzando la potestà di vigilanza e di indagine, oltre al conferimento del potere di irrogare sanzioni amministrative pecuniarie efficaci, dissuasive e proporzionate alla gravità delle violazioni degli obblighi previsti. Più in dettaglio, la Banca d’Italia viene identificata quale autorità’ competente  ad  autorizzare  la gestione di un ELTIF da  parte  di  un  gestore  e  ad  approvare  il regolamento dell’ELTIF in conformità’ all’articolo 5 del  regolamento (UE) n. 2015/760. In ipotesi di prima istituzione di un ELTIF da  parte di un gestore, l’autorizzazione e’ rilasciata dalla  Banca  d’Italia, sentita la Consob.

Il regolamento europeo sui fondi di investimento europei a lungo termine (European Long-Term Investment Fund, sintetizzati nella sigla “ELTIF”), che il decreto in esame attua, disciplina in particolare la commercializzazione transfrontaliera degli ELTIF nell’ambito dell’Unione europea, la procedura armonizzata per l’autorizzazione dei fondi di investimento a lungo termine, la prevenzione dei conflitti di interessi, oltre agli obblighi di trasparenza e le condizioni di commercializzazione.

Il provvedimento italiano, infine, innalza la protezione dell’investitore, garantendo una più opportuna tutela della stabilità finanziaria.